Website Security Test
Banner Bodema – TOP

TUTTI IN PIAZZA A CANTARE, A LATINA IL PRIMO FLASH MOB

A Latina arriva il primo Flash Mob, organizzato dall’associaizone “I Triangoli”. L’idea è quella di radunare più persone possibile per ballare in Piazza del Popolo il brano di Jovanotti “Mezzogiorno”.

“Saranno dei nostri – scrivono gli organizzatori su Facebook dove hanno raccolto oltre 2.000 adesioni – anche i ragazzi di FLASH MOB ROMA http://www.facebook.com/group.php?gid=80885887042&ref=ts  www.romaflashmob.it:

http://www.facebook.com/pages/ROMA-FLASH-MOB-eventi-di-massa/309774384331?ref=ts

Ovviamente invitate chi volete, limiti di persone per “certe” cose non ce ne sono! Riempiamo Latina di ballerini improvvisati. Ecco qui l’attesissima coreografia di “Mezzogiorno” : http://www.youtube.com/watch?v=QueTYlZCt-0 APPUNTAMENTO DOMENICA ALLE 16:30 IN PIAZZA DEL QUADRATO PER ORGANIZZARCI, intorno alle 17:30 in piazza del Popolo ci scateneremo!”.

Cos’è un Flash Mob. Con il termine flash mob (dall’inglese flash – breve esperienza e mob – moltitudine) si indica un gruppo di persone che si riunisce all’improvviso in uno spazio pubblico, mette in pratica un’azione insolita generalmente per un breve periodo di tempo per poi successivamente disperdersi. Il raduno – scrive Wikipedia –  viene generalmente organizzato attraverso comunicazioni via internet o tramite telefoni cellulari. In molti casi, le regole dell’azione vengono illustrate ai partecipanti pochi minuti prima che l’azione abbia luogo.Nella maggior parte dei casi, il flash mob non ha alcuna motivazione se non quella di rompere la quotidianità. I partecipanti all’azione (flashmobbers o mobbers) si incontrano in un punto prestabilito per realizzare assieme un’azione corale che non ha alcun senso, se non contestualizzato in quei brevi istanti di evento. In questi casi, il flash mob si presenta come un’azione apolitica, aconfessionale, priva di connotazioni religiose, politiche o sociali; in essa viene unicamente incoraggiata la piena libertà di espressione. In alcuni casi la tecnica di organizzazione dei Flash Mob è stata ripresa anche per motivazioni politiche, ad esempio per organizzare una protesta lampo o promuovere un evento collettivo: i concerti improvvisati del gruppo ecologista messicano Sagrimento, organizzati alla periferia di Città del Messico in luoghi normalmente esclusi da eventi artistici e musicali, possono essere definiti come dei Flash Mob con finalità politiche; anche a Firenze si sono tenuti vari flash mob di “stampo” politico come la lettura all’unisono del nono articolo della Costituzione contro la legge 133.

Il flash mob con maggior numero di ‘mobbers’, quindi con più partecipanti, è quello tenutosi a Londra il 4 aprile 2007: circa 4.000 persone si sono riunite alla stazione di Victoria con cuffiette nelle orecchie e hanno cominciato a scatenarsi per due ore. Nella stessa città Il 6 febbraio 2009 un flash mob simile (che su Facebook contava oltre 13.000 adesioni) si è tenuto presso la stazione di Liverpool Street in cui la polizia ha dovuto porre fine all’evento, conclusosi con qualche arresto, per sovraffollamento e per permettere il regolare flusso di viaggiatori.

IL VIDEO DELLA COREOGRAFIA

Su Youtube è stato anche pubblicato un video che mostra la coreografia che sarà realizzata a Latina:

Comments

comments

MandarinoAdv Post.