Website Security Test
Banner Bodema – TOP

Calcio, Latina torna a vincere con il Barletta

Torna a vincere il Latina dopo il pareggio di Viareggio e lo fa espugnando il campo del Barletta con un secco 3-1 che vale la vetta della classifica. Una partita praticamente perfetta dei nerazzurri che ci mettono un po’ a carburare ma poi, prima del riposo, assesta un uno-due micidiale a cui i padroni di casa non riescono a reagire.

LA CRONACA – Mister Fabio Pecchia deve rinunciare allo squalificato De Giosa e all’infortunato Burrai. Al loro posto spazio per Agius al centro della difesa insieme a Cottafava, mentre a centrocampo la conferma di Ricciardi nel tridente sulla mediana completato da Gerbo e Cejas. In avanti l’ariete è Jefferson, supportato dagli esterni Barraco e Agodirin Kola.

Il Latina parte male soffrendo la pressione alta di un Barletta che è pericoloso al 3′ con una botta di Dall’Oglio forte ma centrale che Bindi blocca in due tempi. Un Barletta propositivo sfiora ancora il vantaggio al 7′, quando Agius manca clamorosamente la palla consentendo a Barbuti che si invola verso la porta di Bindi. Il portiere di casa è però bravissimo a rimanere in piedi e resiste sulle finte dell’attaccante di casa e poi in tuffo arpiona la sfera in presa bassa. Per vedere il Latina bisogna aspettare il quarto d’ora: angolo di Ricciardi fuori per Barraco che spara al volo di destro, la palla viene respinta da un difensore. I nerazzurri provano a salire di tono, ma al 28′ una tegola sembra abbattersi sul Latina quando Jefferson, su uno scatto, si ferma ed è costretto al cambio. Al suo posto dentro Tortolano con Kola che si schiera in posizione di punta centrale. Seguono minuti di smarrimento per gli ospiti. Alla mezzora Ferreira spara dai 25 metri con Bindi che può solo guardare la palla sfilare di un soffio sopra la sua testa. Al 34′ la replica con Dall’Oglio bravissimo a conservare la palla in mezzo a tre e poi tentare il diagonale che si spegna di pochi centimetri a lato. Il rischio dà la sveglia al Latina che comincia finalmente a macinare gioco con decisione. Sforzi premiati immediatamente per i nerazzurri che al 39′ passano in vantaggio. L’eroe è Agodirin Kolawole che soffia la palla alla distratta difesa di casa, entra in area di rigore, con una finta a rientrare di sinistro mette fuori causa Romeo, poi altra finta per far sedere pane e piattone destro che si insacca sulla sinistra. Il gol gela il Piccinni e un Barletta che non riesce a reagire. Anzi, quattro minuti dopo arriva il colpo del virtuale ko. Su una punizione di Ricciardi dai 25 metri, la palla viene stoppata dalla barriera per poi essere colpita con un braccio da Dezi. Per Brasi nessun dubbio: calcio di rigore. Dal dischetto si presenta Tortolano che con freddezza batte Pane per il 2-0. Prima del riposo c’è l’occasione per il tris: Milani parte dalla destra, poi lascia partire un bolide destinato all’angolino alto con Pane che si supera e salva la propria porta.

LA RIPRESA – Con due gol di vantaggio il Latina scende in campo nella ripresa col piglio della grande squadra. Sin dai primi minuti i nerazzurri operano un forcing feroce sotto la porta di Pane. Al 6′ Kola si avventa in tuffo di testa su un bel cross di Barraco, ma la conlcusione è troppo centrale. Al 12′ si ripete: Cejas serve Barraco che scatta in posizione regolare, supera Pane ma si allunga troppo la palla che sfila sul fondo. E’ comunque il preludio al gol del 3-0 che arriva al 20′. Una grande azione corale sulla destra. Tortolano fa fuori due uomini, poi scarica per Milani. Il capitano mette il turbo, guadagna il fondo e pennella un cross perfetto per la testa di Cottafava che, da solo sul palo lungo, schiaccia di testa in fondo al sacco il suo secondo gol consecutivo. Il Latina gioca sul velluto e a questo punto prova ad amministrare il largo vantaggio. Ma il Barletta reagisce con la forza dei nervi e al 26′ accorcia con una testa di Lamantia sugli sviluppi di un calcio d’angolo. A questo punto i padroni di casa cominciano a crederci e premono sotto la porta di Bindi. Spiovono palloni in area, ma il Latina resiste per poi riordinare le idee negli ultimi minuti di gara. Al 38′ grande azione di Tulli che entra in area poi scarica per Tortolano. Destro respinto come quello di Barraco subito dopo. I pontini addormentano la partita resistendo agli ultimi assalti di un Barletta che rischia di subire anche il quarto gol nel finale con un tiro di Gerbo su cross di Tortolano di poco alto.

BARLETTA – LATINA 1-3
Latina (4-3-3): Bindi, Milani, Bruscagin, Cejas, Cottafava, Agius, Barraco, Gerbo, Jefferson (29’pt Tortolano), Ricciardi (1’st Sacilotto), Agodirin (25’st Tulli). A disp.: Forzati, Giacomini, Sacilotto, Angelilli, Tortolano, Montalto, Tulli. All.: Pecchia

Barletta (3-5-2): Pane, Calapai, Angeletti, Meduri, De Leidi, Romeo, Molina, Dezi, Barbuti (1’st Lamantia), Dall’Oglio (14’st Simoncelli), Ferreira (14’st Piccinni). A disp.: Liverani, Burzigotti, Menegaz, Meucci. All.: Novelli

Arbitro: Brasi di Seregno. Assistenti: Lotierzo e Zuccaro di Napoli

Marcatori: 39’pt Kola, 42’pt (rig.) Tortolano, 20’st Cottafava, 25’st Lamantia

Note – Ammoniti: Gerbo, Romeo, Dezi, De Leidi, Bruscagin, Calapai. Recupero: 1’pt – 2’st.

Comments

comments

  • entony

    E ORA I CIOCIARI

MandarinoAdv Post.