Website Security Test
Banner Bodema – TOP

Presentato il Pacchetto Sicurezza per i commercianti

I meccanismi per la prevenzione prima di tutto, ma anche interventi mirati a contrastare le emergenze, nei casi di furti e rapine, sono i punti analizzati questa mattina nell’ambito della presentazione del Pacchetto Sicurezza che vede protagonisti Confcommercio e forze dell’ordine.

All’incontro hanno partecipato, oltre ai consiglieri di Latina, anche i presidenti delle Ascom Confcommercio di Fondi, Minturno, Gaeta e Formia. Ad illustrare i punti fondamentali del Pacchetto, il presidente Italo Di Cocco che ha spiegato come le sollecitazioni degli iscritti presi d’assalto dalla microcriminalità abbiano permesso l’attivazione di soluzioni come quella che mette in campo un’azione concertata di soggetti economici e forze dell’ordine.

Il Pacchetto prevede incontri presso le Ascom della provincia alla presenza del questore Alberto Intini e del comandante dei carabinieri Giovanni De Chiara, convenzioni con istituti di vigilanza per i sistemi di videosorveglianza, un numero di telefono dedicato agli imprenditori minacciati dall’usura, convenzioni per l’istallazione di un sistema di allarme nebbiogeno e con una compagnia di assicurazione per agevolare gli esercenti che applicheranno il Pacchetto Sicurezza.

“Il numero dedicato agli imprenditori usurati, una linea diretta conla Questuradi Latina – ha spiegato Di Cocco – è un’iniziativa di particolare rilievo, uno strumento capace di raccogliere le preoccupazioni degli iscritti che si sentono minacciati e che in molti casi hanno il timore di denunciare subito”.

 

Comments

comments

  • mario

    Ma della chiusura del centro a cavolo non ne parli mai caro di cocco.
    E’ possibile che oltre alla crisi dobbiamo noi poveri commercianti combattere anche le vostre ideone di pedonalizzazione con zero attività di aggregazione.
    PESSIMJO!!!

  • Marti

    leggi il giornale La Provincia di domani 14/06/12 (isola pedonale)

  • andonino

    si stava meglio quando Latina era governata dalle famiglie Ciarelli e Di Silvio, avevamo tutti la porsche, ora mi trovo a scorrazzare con la punto a gas, dio mio che tristezza.

  • soldatessa

    in parte concordo con il sig andonino, in fondo queste famiglie di rom hanno portato benessere in tutta la provincia. e’ sempre stata Latina la citta’ per antonomasia dello sciacallaggio e dell’accattonaggio, forse prima si viveva meglio

  • mario

    Cara Marti,
    forse non c’è bisogno che io legga il giornale visto che in due settimane passate di pedonalizzazione non è stato fatto un beneamato cavolo.
    Questo weekend ci sono i bersaglieri e la tua astuzia mi porta a dirmi di leggere il giornale?
    Non so dove vivi e cosa fai ma io in centro lavoro e ne ho risentito pesantemente.
    In attesa di queste spettacolari iniziative ma sopratutto delle prossime (dopo bersaglieri) voglio proprio vedere che si fa. MA GIA LO SO! UN TUBO.

MandarinoAdv Post.