Website Security Test
Banner Bodema – TOP

Cusani: “Solidarietà ai lavoratori Lsu”

“Esprimo la mia più sincera solidarietà ai lavoratori socialmente utili che hanno prestato servizio nei Comuni della Provincia di Latina fino al 31 dicembre scorso. Lavoratori che si sono visti interrompere il rapporto di lavoro con la conseguenza immediata di allungare le già chilometriche file dei disoccupati, con l’aggravante di non avere nessun tipo di tutela sociale”. Il presidente della provincia Armando Cusani interviene durante le manifestazioni in corso in diversi comuni.

“Il mancato rinnovo dei contratti ai lavoratori socialmente utili – spiega Cusani – è una vicenda oltremodo drammatica, poi, perché rientra in un contesto sociale difficile, che troppi cittadini stanno vivendo anche a causa della forte crisi economica in atto. L’auspicio che formulo è che la Regione Lazio possa risolvere al più presto questo problema, perché ha gli strumenti istituzionali giusti e perché vi sono alcuni settori della vita pubblica scoperti di personale nel quale questi lavoratori potrebbero essere ancora coinvolti. Sono sempre stato convinto che se c’è la volontà e la capacità di governo i problemi si risolvono, come ha fatto qualche tempo fa la Provincia di Latina con i suoi Lsu, inglobandoli tutti a tempo indeterminato in pianta organica. In attesa di risposte positive dalla Regione Lazio, stiamo studiando con i responsabili degli uffici provinciali, uno specifico progetto da mettere a disposizione anche di questi lavoratori. Nella speranza che nell’immediato si possa aprire per loro la strada di un nuovo lavoro, magari a tempo indeterminato”.

Comments

comments

  • Attila

    Se la disoccupazione aumenta è colpa tua e del tuo politico di riferimento Nano di Arcore. Meno parole e più fatti.

  • Grillo Parlante

    Caro cusano so’ voti ed è meglio non essere troppo impopolare… ma il criterio con il quale sono stati assunti… tutto trasparente?…ho i miei dubbi…

  • Gattopardo

    Che dire… la solita faccia da xxlo…

MandarinoAdv Post.