Website Security Test
Banner Bodema – TOP

Una maratona contro le leucemie

Ci saranno anche i volontari dell’associazione Alessia e i suoi Angeli e del Comitato Nazionale contro la Meningite a partecipare alla gara podistica promossa da FIDAL a Roma, presso il Circo Massimo, per la giornata di San Silvestro. Ma la loro corsa ha un significato speciale: correranno uniti indossando la pettorina che ricorda Alessia Mastrogiovanni, la bimba di due anni mancata per meningite nel 2007, e a cui è intitolata l’associazione nata a Latina e che è attiva in progetti di sostegno e informazione all’insegna della solidarietà, allo scopo di dare aiuti concreti, là dove esistono contesti di degrado, di malattia ed abbandono che mettono a rischio la
vita dei bambini.

La salvaguardia e tutela della salute dell’infanzia è quindi uno dei compiti primari dell’Associazione, che per questo motivo ha scelto di aderire nel 2011 al Comitato Nazionale contro la Meningite, il primo gruppo in Italia impegnato nel rappresentare i bisogni e i diritti delle persone colpite da meningite. Il Comitato è formato da un gruppo di persone che condivide l’aver vissuto un grande dolore: l’improvviso incontro con una malattia terribile come la meningite e che hanno deciso di unirsi per diventare un punto di riferimento su una malattia che colpisce ogni anno più di 1000 persone in Italia, causando la morte del 12% circa di coloro che la contraggono.

“Siamo qua oggi come Associazione Alessia e i suoi Angeli perché crediamo che eventi come questi aiutino sempre di più a far sentire le nostra voce e circolare il nostro messaggio: le meningite può uccidere, non è un caso sporadico, è un rischio reale e le persone devono essere informate su questi rischi e su come prevenirli” dichiara Alessandro Mastrogiovanni, presidente dell’Associazione e papà della piccola Alessia. “Per noi questa è una grande occasione, e ringraziamo FIDAL che ci ha dato questo spazio e che ci ha aiutato ad essere presenti oggi. Speriamo di tutto cuore che questa iniziativa possa coinvolgere il 31 dicembre tantissime persone e che possa ripetersi con successo il prossimo anno” commenta Mastrogiovanni.

Il tema informazione sui rischi meningite è centrale anche per il Comitato Nazionale contro la Meningite, come sottolinea la presidente Amelia Vitiello “Le mamme sono spaventate dalla meningite perché sanno che è una malattia pericolosa, spesse volte mortale, come testimoniano i casi che si ripetono costantemente, anche quest’anno. Le mamme non sanno bene a chi chiedere, e molto spesso quando chiedono non trovano le risposte che sono in grado di comprendere, cioè formulate con un linguaggio chiaro e rassicurante, che le metta nella condizione di conoscere i rischi e valutare consapevolmente se ad esempio vaccinare o no i propri figli” continua Amelia
Vitiello “ Per questo motivo il Comitato Nazionale contro la Meningite promuoverà nel corso del prossimo anno scolastico la distribuzione di un libretto informativo , chiamato “La testa a posto”, nelle prime classi delle scuole medie di Roma e Latina”.

Conclude Vitiello: “Si tratta di un progetto pilota, che speriamo di poter diffondere in futuro anche nelle altre regioni italiane, ma che ha già avuto il sostegno del Garante per l’infanzia del Lazio. Il Comitato, che si avvale della collaborazione di esperti della comunità pediatrica aderenti a SIP (Società Italiana di Pediatria) e FIMP (Federazione Italiana Medici pediatri), con questo libretto vuole dare il via a una serie di attività informative pensate per la mamma, che speriamo abbiano in futuro l’attenzione e il sostegno delle Istituzioni locali”.

Per ogni ulteriore informazione sulle attività dell’associazione “Alessia e i suoi Angeli” e del “Comitato Nazionale contro la Meningite” è possibile visitare i siti internet www.alessiaeisuoiangeli.org e www.liberidallameningite.it.

Comments

comments

MandarinoAdv Post.