Website Security Test
Banner Bodema – TOP

Patenti facili anche a Latina e Aprilia

Proseguono le indagini coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Roma, Carlo Lasperanza, sul rilascio di patenti a soggetti che non ne hanno titolo. Questa mattina gli agenti di Polizia Roma Capitale, Ufficio Polizia Giudiziaria Piss, diretti dal Comandante Antonio Di Maggio stanno effettuando nuove perquisizioni presso le abitazioni di altri Pubblici Ufficiali e presso le sedi della Motorizzazione Civile di Roma ed in particolare in quella di Via Salaria e Via Laurentina, dove procedono al sequestro di computer dell’amministrazione in uso ai funzionari indagati ed ulteriore documentazione che sarà passata al vaglio degli inquirenti nelle prossime ore.

Nel corso delle indagini la Direzione Distrettuale Antimafia ha autorizzato la Polizia Roma Capitale all’acquisizione di migliaia di immagini che ritraggono i funzionari indagati mentre compilano direttamente i questionari nel corso degli esami teorici di guida, questionari che dovrebbero essere segreti e compilati unicamente dai candidati. Le immagini degli esami appaiono inequivocabili e rappresentano i modi escogitati dagli indagati per far giungere la risposta esatta ai candidati segnalati dalle autoscuole compiacenti agli esaminatori corrotti e avevano sempre una analoga procedura: il funzionario si posizionava nelle immediate vicinanze dell’esaminando e forniva le risposte suggerendo le stesse con dei segni convenzionali, quali il movimento a scatto di una penna, uno scatto vero due scatti falso, oppure consigliando direttamente in modo verbale il candidato, riaprendo, alla fine della sessione d’esame, una volta usciti tutti i presenti, il terminale del soggetto da aiutare procedendo alla compilazione delle risposte esatte, per poi richiudere lo stesso e completare così l’esame.

Diverse sono le testimonianze dei candidati ai quali è stata sequestrata la patente, raccolte dall’Ufficio Piss di Polizia Roma Capitale, incaricato dalla Direzione Distrettuale Antimafia, che hanno confermato i fatti e divere anche le segnalazioni acquisite fatte dai candidati e dalle autoscuole danneggiate da tali illeciti comportamenti.

Gli indagati attualmente sono oltre 80, il traffico della patenti rilasciate con tali illecite modalità sta interessando diversi comuni del territorio laziale: Roma, Latina, Aprilia, Guidonia Montecelio, Frascati, Piglio, Colleferro, Valmontone, Mazzano Romano, Fiumicino, Ladispoli, Civitavecchia, Velletri, Nettuno, Sant’Angelo Romano, Monte Libretti, Cave, Monte Rotondo, Zagarolo, Anzio, Ciampino, Genazzano, Marino e Viterbo.

Il fenomeno appare preoccupante in relazione al fatto che molte patenti sono state rilasciate a individui extracomunitari o neo comunitari che completamente ignari della segnaletica stradale, sono spesso coinvolti in gravissimi incidenti.

Comments

comments

  • lupino buzzo

    non è gran notizia, tutti sanno l’ambientino che c’è alla motorizzazione incivile

MandarinoAdv Post.