Website Security Test
Banner Bodema – TOP

Donne e lavoro, al via il progetto “Vinco”

Conciliare, è un termine ben conosciuto nell’universo femminile, indica la capacità di organizzare il tempo, gestendo gli impegni lavorativi e privati nel modo più equilibrato. Il problema della conciliazione esiste in tutti i paesi sviluppati e coinvolge soprattutto le lavoratrici a causa della diseguale distribuzione del carico di lavoro domestico e di cura all’interno della famiglia.

Sono, infatti, le donne che continuano ad accollarsi le maggiori responsabilità di cura dei figli e degli altri familiari, trovandosi spesso costrette ad affrontare pesanti costi per la loro attività lavorativo- professionale. Per dare delle risposte concrete all’esigenza tipicamente femminile di conciliare lavoro e famiglia, nasce VINCO Voucher, INnovazione e COnciliazione. Nel Lazio si rilevano forti disomogeneità di genere nella partecipazione al mercato del lavoro e questo dato appare più evidente soprattutto nelle Province di Frosinone e Latina, dove sono presenti i maggiori tassi di disoccupazione femminile, per questo motivo, VINCO ricadrà principalmente, in questi ambiti territoriali.

Il progetto integrato, finanziato dall’Assessorato Lavoro e Formazione della Regione Lazio, guidato dall’Assessore Mariella Zezza, prevede l’attivazione di processi importanti per la partecipazione femminile al mondo del lavoro:

– un’attenta lettura del territorio che consenta di pervenire, per step successivi, a una
mappatura dei servizi di conciliazione esistenti, tradizionali e innovativi, prestando
anche particolare attenzione a iniziative sperimentali;

– la condivisione di modelli di conciliazione costruiti con la partecipazione di tutti gli attori
locali e delle donne;

– la creazione di un circuito qualificato di servizi integrati e integrabili in grado di
orientare le scelte di conciliazione delle donne;

– il sostegno finanziario alle donne per l’accesso a tale circuito, attraverso lo strumento
del voucher;

– l’accompagnamento dei processi attraverso infodesk territoriali in grado di fornire
informazione, assistenza, animazione territoriale;

– l’attivazione di un sistema di pilotaggio dell’intervento in grado di: orientare su elementi
di sperimentazione e innovazione, mantenere attiva una riflessione sul tema della
conciliazione anche in ottica integrata con le altre iniziative regionali e locali, favorire la
massima territorializzazione delle iniziative, cogliere gli elementi di dinamicità espressi
o emergenti nei territori, capitalizzare l’esperienza anche in ottica di trasferibilità. Numerosi sono gli incontri programmati con i vari stakeolder del territorio, al fine di attivare una rete territoriale di supporto alle iniziative, ratificata da protocolli di intesa;

– l’organizzazione di diversi momenti di comunicazione in occasione dell’apertura dei
bandi previsti dal progetto che rappresentino occasioni di confronto sul tema della
conciliazione e sulle specificità territoriali.

A breve, saranno promulgati due bandi pubblici: il primo rivolto ai fornitori di servizi, il
secondo alle donne. Il primo bando consentirà di stilare una lista dei soggetti qualificati a
erogare servizi di conciliazione. Il secondo, dedicato alle donne, permetterà loro di accedere
all’erogazione del voucher di acquisto dei servizi. I fondi destinati ai voucher, ammontano
a 1,2 milioni di euro e daranno la possibilità ad oltre 1000 donne residenti nei territori
interessati dal progetto (ex art. 1 del TU approvato con DPR 3 marzo 1978, n.218) di fruire
gratuitamente di servizi di conciliazione quali: l’asilo nido, la scuola materna primaria e media,
il baby parking e sitting, la ludoteca, le prestazioni pre e post scolastiche, i centri estivi, i centri
diurni aggregativi ed educativi, l’assistenza domiciliare socio sanitaria, le strutture sociali per
l’assistenza di persone anziane e diversamente abili. VINCO è inserito nei progetti speciali ex
articolo 26 Legge 845/78, finanziato con il contributo del Fondo Sociale Europeo nell’ambito del
POR Lazio 2007-2013, si articolerà in tre principali linee di azione: l’informazione, la ricerca e
l’assistenza. Le attività verranno gestite dall’Associazione Temporanea d’Imprese tra la Società
Consortile Ass.For.SEO e la MC Consulting.

La sede dell’infodesk del progetto VINCO di Latina, che fornirà gratuitamente servizi di
informazione, assistenza e consulenza personalizzata è sita in Viale P.L. Nervi , Centro Latina
Fiori- Torre Magnolie, Piano 2, scala B, Int.5 , numero verde 800.777.519

Comments

comments

  • KAVALLETTA

    SPERIAMO CHE CI SIA QUALCUNO CHE MI SPIEGA QUELLO CHE E’ SCRITTO.
    COME AL SOLITO IL LINGUAGGIO E’ SOLO PER POCHI, INTERESSATI AD INCASSARE I FONDI.

  • liberty

    VINCO….. al superenalotto!

  • pippo

    Parole, parole, parole……ma chi sono qs??? da dove escono????

  • Nazgul

    @kavalletta
    Si inventa una società e le byuone motivazioni si prendono fondi magari europei, si danno poltrone ai soliti politick trombati e poi si sistema qalche amico facendo i fichi: capito ora? Se ci vado io o tu che non conosci nessuno si prendono la parcella per la consulenza che ti fabbo (vedi CCIAA) tu non fai niente ma loro hanno ulteriormente guadagnato tra una partita a solitario e l’altra. Vuoi saper quante di queste società esistono in capo a non so quanti consorzi pubblici da noi pagati in svariati modi? Milleduecento (1.200). Capito come ci si va rivotare?

  • Nazgul

    @kavalletta
    Rispiego, ma mi taglieranno….
    Si inventa una società e delle buone motivazioni (solo teoriche), si prendono fondi, magari europei, si inventano cosi poltrone per i soliti politici trombati, si sistema qualche “amico”, si fa un po i ficgi… Capito ora?
    Se ci vado io o ci vai tu che siamo signori nessuno si prendono pure la parcella per la consulenza che ti fanno (vedi CCIAA) tu finisci per non fare niente per le mille difficoltà che vengono fuori, ma loro hanno ulteriormente guadagnato fatturando (non te) ma l’azienda stato, il tutto tra una partita a solitario e l’altra o una telefonata.
    Vuoi sapere quante di queste società esistono (in capo a non so quanti consorzi pubblici) da noi pagate in svariati modi? Milleduecento (1.200). Capito come ci si fa a farsi rivotare?

MandarinoAdv Post.