Website Security Test
Banner Bodema – TOP

De Marchis: “La Tia è stata una scelta del centrodestra”

“I problemi per la città di Latina, specialmente per i bilanci delle famiglie, derivano in primo luogo dalla decisione, avallata da tutta la coalizione che ora sostiene Giovanni Di Giorgi, di adottare la TIA”. Il candidato del Pd, Giorgio De Marchis, interviene sulla questione dei rifiuti.

“Fa un po’ sorridere – commenta – leggere in questi giorni le dichiarazioni poco credibili degli esponenti dell’ex maggioranza che propongono di sciogliere Latina Ambiente e di sostituirla non si sa bene con cosa. Sarebbe stato sufficiente che questi ex consiglieri avessero prestato maggiore attenzione e dato credito alle interrogazioni, alle mozioni, alle proposte e al dibattito in Consiglio comunale. Io stesso ho sostenuto in diverse occasioni che l’impatto del passaggio a TIA avvenuto in quel modo sarebbe stato devastante per i bilanci delle famiglie latinensi, a causa della cattiva gestione dei costi da parte di Latina Ambiente. Tutto ciò si è puntualmente verificato ed i costi di gestione del servizio sono lievitati da 14 a 21 milioni di euro, superando di gran lunga il tasso di inflazione programmata. Oggi il primo problema da affrontare, se veramente si vuole fare il bene della città e dei cittadini, è quello di stabilire da subito una strategia di contenimento della TIA mediante l’abbattimento dei costi di gestione del servizio. Per questo abbiamo sostenuto, anche con i ricorsi in Commissione Tributaria, la necessità di togliere l’Iva dalla TIA del 2010 e di arrivare alla dichiarazione di illegittimità della tassa stessa, atto propedeutico all’istituzione di un nuovo tributo”.

“Nell’agenda politica del nuovo governo di centrosinistra – aggiunge De Marchis – al primo punto ci dovrà essere la revisione del regolamento TIA che attualmente non consente di dilazionare il pagamento della tariffa oltre le tre rate annuali. Alla luce della doppia fatturazione che ci aspetta quest’anno è opportuno prevedere un numero di rate decisamente maggiore. Soprattutto è necessario varare il passaggio a TIA 2 e, contestualmente, chiedere un taglio del costo del servizio a Latina Ambiente che non può essere superiore ai 16 milioni di euro annuali. Solo così potremo evitare ai cittadini di pagare, nei prossimi mesi, mediamente 700 euro per nucleo familiare”.

 

Comments

comments

  • avatar

    Ditelo a latina, Benito for never,, mario, e a tutti i destronzi di Latina, che oltre al zacc, debbono ringraziare per questi regali illuminati, anche il Sig di giorgi, il Cirilli i fazzoni, i forti, i cusani ecc.ecc. e tutta l’allegra compagnia “A FA’ MALE” che questi insensati difendono, magnificano’?!? e che vorrebbero tenere a galla, ma Vi VERGONATE O NOOOOO???? c’erano anche il di giorgi ed il cirilli gli altri quando hanno fatto sta porcata e le altre, Ve le ricordo qulacuna? cimitero, strisce blu, acqua latina, tia, metropolitano leggera, il porto,il lungomare ecc. ecc. c’erano sempre loro, sono loro e il di giorgi che oggi volete contrabbandare come buon amministratore, che hanno fatto BANCAROTTA FRAUDOLENTA A LATINA, SVEGLIAAAAAAAAA

  • Guido

    Grande Giorgio…unico tra i candidati al consiglio comunale degno di rappresentare gli interessi dei cittadini, unico che in questi anni si è dato da fare politicamente.
    Anche questa volta sarà il più eletto nel centro sinistra e noi ci daremo da fare per farsi che ciò avvenga in modo da spazzare via quantomeno tutti quei candidati impresentabili da 20 voti a testa che, senza nessuna autoriflessione sul proprio potenziale, si ritengono politicanti da 600 voti….poveracci…ci sarà da ridere! :D

MandarinoAdv Post.