top-banner

Bollette Tia, ennesima cartella annullata

Con sentenza depositata il 14-04-2011 la  terza sezione della Commissione Tributaria Provinciale di Latina ha annullato una cartella esattoriale, emessa per la riscossione della TIA nei confronti di un’azienda, da cui risultava che ad essere iscritto a ruolo non era un avviso di accertamento ma la semplice fattura che (per il regolamento comunale) non è titolo esecutivo in quanto non ne presenta i requisiti essenziali. Latina Ambiente condannare a risarcire le spese.

Infatti la Fattura TIA può essere equiparata ad un accertamento (quindi impugnabile ed iscrivibile a ruolo) solo se presenti i caratteri dell’atto tributario. Le fatture di Latina Ambiente non presentano tali caratteri, tanto che non vengono notificate ma inviate per posta ordinaria, né sono sottoscritte da un funzionario.

Pertanto, le cartelle emesse da Equitalia (incolpevole per quanto accade) per la TIA di Latina sono tutte nulle, in quanto non menzionano gli estremi dell’accertamento ma quelli della semplice fattura. Le suddette cartelle sono illegittime per violazione dell’art. 12 DPR 602/73 che prevede che nel ruolo (di cui la cartella costituisce l’unico estratto conoscibile al contribuente) deve essere indicato “il riferimento all’eventuale precedente atto di accertamento” e “in difetto di tali indicazioni non può farsi luogo all’iscrizione”. La regola citata è una delle poche norme legislative fondamentali che deve essere conosciuta da chiunque svolge attività di riscossione.

E’ l’ennesima dimostrazione che un’entrata tributaria rilevante come la TIA a Latina è gestita da soggetto senza alcuna specifica competenza. Si tratta di un errore inescusabile, quindi grave imperizia che il Comune non può che censurare con esplicita contestazione. “Se non si provvede ad annullare in autotutela tutti i ruoli TIA inviati al concessionario della riscossione, si rischiano ulteriori costi per i cittadini, oltre che un danno erariale” commentano Luigi D’Aniello, Giuseppe Pannone, Raffaele Sciré e Andrea Stabile.

L'autore

Related posts

3 commenti

  1. +2 Vote -1 Vote +1 Quantum

    ma chi ha incaricato quel soggetto senza nessuna specifica compentenza a gestire tale funzione amministrativa?

    Mi chiedo:
    • possibile che non esistano mai responsabilità politiche e personali?
    • che questa storia di ordinaria inefficienza o negligenza finisca nel nulla?
    • chi e come si ripianeranno le mancate entrate tributarie? Saranno ripartite sui cittadini in qualche altra forma ?

  2. +4 Vote -1 Vote +1 avatar

    Il problema e’ risolvibile facilmente, basterebbe prendere qull’insulso amministrativo che ha autorizzato un’atto grave ai danni di un cittadino, senza sapere e domandarsi del perche’ egli si trovi a gestire immeritatamente un’uffico pubblico?, senza conoscerne alcunche’ (forse perche e’ un raccomandato Politico?), e mandarlo a pascere le pecore senza offesa per i pastori e le pecore, dopo avergli addebitato i danni

Commenta l'articolo

ADV_Mandarino 577_150