Website Security Test
Banner Bodema – TOP

Borgo Sabotino, catena umana contro il nucleare

  • manifestazione-centrale-nucleare-latina-3765s4
  • manifestazione-centrale-nucleare-latina-6df43
  • manifestazione-centrale-nucleare-latina-001
  • manifestazione-centrale-nucleare-latina-ytw54
  • latina-no-nucleare
  • catena-umana-nucleare

Oltre 500 persone davanti alla ex centrale nucleare di Latina: il popolo che vuole fermare il nucleare nel Lazio e in Italia si è ritrovato questa mattina per una grande catena umana intorno alla centrale in dismissione di Borgo Sabotino, per tornare ad affermare l’insostenibilità del nucleare e rilanciare le energie pulite. L’iniziativa, indetta dalle organizzazioni del Comitato Pontino per i SÌ e dal Comitato Laziale “Vota sì per fermare il nucleare” – dei quali Legambiente è tra i promotori e gli animatori – ha visto una bella e colorata partecipazione di persone provenienti da tutto il Lazio.

«La grande partecipazione alla catena umana – scrive Legambiente – dimostra che il nucleare si può battere, i cittadini hanno capito bene quanto è pericolosa l’energia atomica, la tragedia giapponese l’ha dimostrato ancora una volta – ha commentato Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio – Siamo pronti a vincere il referendum del 12 e 13 giugno, con tantissimi sì per fermare il nucleare, l’unica vera risposta contro l’atomo altro che inutili moratorie. Dopo questa prima iniziativa che ha rilanciato la mobilitazione dei cittadini, nelle prossime settimane si moltiplicheranno i tavoli informativi e le occasioni di discussione, fino alla nuova manifestazione del 22 maggio a Montalto di Castro».

«Il dramma che si sta vivendo in Giappone riapre il serio problema dei materiali radioattivi ancora presenti nelle ex centrali del nostro paese, che per secoli rimarranno pericolosi. Proprio a Borgo Sabotino sono terminate le opere murarie del deposito temporaneo di rifiuti radioattivi che accoglierà i manufatti dei rifiuti condizionati presenti nell’impianto e quelli derivanti dalle future attività di decommissioning della centrale ed è anche in costruzione l’edificio dove saranno trattati e cementati i fanghi e gli splitters prodotti durante l’esercizio della centrale», continua Legambiente.

«Mentre ci preoccupano le ricadute della nube radioattiva giapponese, è necessario chiarire immediatamente la situazione dei depositi temporanei di rifiuti radioattivi delle centrali nucleari di Borgo Sabotino e del Garigliano nel Lazio, la Regione deve riconvocare il tavolo cosiddetto della trasparenza con la Sogin che è sparito da tempo -ha dichiarato Cristiana Avenali, direttrice di Legambiente Lazio-. La catena umana di Latina e le iniziative per ricordare i 25 anni trascorsi dal disastro di Chernobyl sono fondamentali per mobilitare i cittadini e coinvolgerli per votare Sì
ai referendum, al Governo questa è la risposta che serve». Legambiente «ricorda che sono ben 1.425 le tonnellate di combustibile scaricato dal reattore della centrale di Borgo Sabotino a Latina, ora in Inghilterra per il ritrattamento, ai quali si aggiungono altri 950 metri cubi di rifiuti radioattivi che sarebbero stoccati ancora sul posto. Per la centrale di Garigliano, invece, sono 322 gli elementi di combustibile anch’essi inviati all’estero cui si aggiungono altri 90 metri cubi di materiale radioattivo condizionato con cementazione e 1.150 metri cubi di materiale a bassa attività».

«Il successo della due giorni per fermare il nucleare a Latina, organizzata con un vasto comitato di associazioni, è la migliore risposta a chi vuole rilanciare l’atomo – ha dichiarato Alessandro Loreti, presidente di Legambiente Latina – Nelle prossime settimane ci impegneremo per chiedere risposte sul presente e sul futuro del sito nucleare di Borgo Sabotino, i cittadini vogliono conoscere le informazioni che vengono tenute troppo pericolosamente nascoste».

Comments

comments

  • Italo

    No al nucleare.

MandarinoAdv Post.