Website Security Test
Banner Bodema – TOP

Caldo, Lucifero colpisce Latina: 44 gradi percepiti. Ed è solo l’inizio

Latina è sempre presente nelle allerte del ministero per le ondate di caldo. Le previsioni meteorologiche non lasciano spazio alla speranza: non siamo ancora al picco dell’ ondata di calore africano che sta investendo l’Italia, la quinta quest’anno (ribattezzata Lucifero), e che arriverà tra mercoledì e giovedì, per durare ancora una settimana.

Ed infatti le indicazioni del ministero della Salute, che monitorano il rischio delle ondate di calore per la salute dei cittadini, arrivano a segnare per giovedì con il bollino rosso, il massimo pericolo cioè, sostanzialmente l’ intera penisola. Sono 26 le città ad alto rischio, con la sola eccezione di Genova, che invece, oggi, domani e dopodomani è contrassegnata con un bollino giallo. Peraltro oggi erano quattro le città con il bollino rosso: Roma, Frosinone, Pescara e Campobasso. Alle quali mercoledì di aggiungeranno altre 12 città: Latina, Bari; Bologna; Bolzano; Brescia; Cagliari; Firenze; Milano; Napoli; Perugia; Rieti e Viterbo. Giovedì praticamente quasi tutte le città.

Intanto, oggi in Sardegna sono state sette le località in cui il caldo percepito è stato pari o oltre i 40 gradi: tra le più note Alghero (42 gradi) e Olbia (40), ma le temperature più alte, dopo Capo San Lorenzo, si sono registrate a Capo Carbonara (45) e Capo Frasca (44). Si è sofferto anche sulle isole minori: a Pantelleria si sono percepiti 45 gradi, a Capri 44, a Ustica 43. E si è boccheggiato anche nelle città d’arte e nelle metropoli: 44 i gradi avvertiti a Bologna, 43 a Firenze, 42 a Venezia, 41 a Roma e Palermo, 40 a Milano.

Temperature record anche in Friuli Venezia Giulia, dove la colonnina virtuale di mercurio è salita soprattutto ad Aviano (44), Udine (43) e Trieste (41). In Veneto, sono Treviso, Verona e Padova ad attestarsi sui 42 gradi percepiti, la stessa soglia raggiunta in Emilia Romagna da Forlì, Parma e Cervia. In Lazio è bollente Guidonia, alle porte di Roma, con 48 gradi percepiti; ma «bruciano» anche Latina e Frosinone (44 gradi percepiti).

Mentre in Campania, si boccheggia anche a Grazzanise (49) e Palinuro (42). Non si salva nemmeno la Puglia: a Santa Maria di Leuca, nel Salento, la sensazione di caldo è di 43 gradi,44 a Brindisi, 42 a Marina di Ginosa e Galatina. Tra le città sopra i 40 gradi percepiti, anche Bolzano (42), Pescara e Catania (41). Una situazione che non aiuta assolutamente la lotta agli incendi, che ancora oggi si sono sviluppate in Sardegna, dove un agriturismo è stato evacuato, alla periferia di Grosseto e nella boscaglia tra Roma e Fiumicino. Dall’ inizio dell’anno sono andati in fumo 77.585 ettari di superficie, il quadruplo di quanto è andato a fuoco in media tra il 2008 e il 206, secondo l’European Forest Fire Information System (Effis) della Commissione europea.

Comments

comments

MandarinoAdv Post.