Website Security Test
Banner Bodema – TOP

Natale a Latina, ecco la proposta dei commercianti. Ora la parola al Comune

eventi-natale-2016-latina-commerciantiFinalmente, dopo tante polemiche, arriva qualche proposta concreta per migliorare il centro storico di Latina. I commercianti del comitato Latina Centro annunciano: “Vogliamo trasformare il centro storico della nostra città in un salotto elegante e coinvolgente riconsegnandogli il ruolo che gli compete dopo anni di “abbrutimento” natalizio. Una scelta che mira a non proporre al pubblico merci che andrebbero in contrasto con le attività del centro storico le quali attendono, giustamente, il periodo festivo per vedere ripagati gli sforzi annuali. Il centro città offre centinaia di attività diverse con un’offerta commerciale variegata: non di nuovi temporanei negozi ha bisogno la città ma di atmosfera e divertimento. Da questo assunto fondamentale nasce la nostra proposta: offrire un Natale diverso alla città, fatto di musica, atmosfera e cose buone. Un Natale che riguadagni il proprio tocco magico ed incantevole e porti in città il clima fiabesco e ovattato a cui è legato nella fantasia dei piccoli e dei più grandi. Quello che vogliamo mettere in campo è un progetto che coinvolga l’intero centro storico e non solo la piazza centrale, un progetto che preveda allestimento natalizio diffuso, luminarie ed eventi di qualità tutti i giorni”.

Il progetto prevede allestimenti dall’8 al 26 dicembre 2016. Il centro pulsante del Natale sarà ovviamente Piazza del Popolo, lì verrà posizionato l’Albero di Natale gigante a cui farà compagnia la Casa di Babbo Natale e la Pista del ghiaccio (scoperta). All’interno della casa i più piccoli potranno conoscere gli elfi e Babbo Natale, consegnare le loro letterine e partecipare ai laboratori creativi che verranno realizzati tutti i pomeriggi. Nel resto del Centro Storico verranno posizionati Alberi di Natale alti 3 metri illuminati a led e Pacchi regalo giganti perché l’atmosfera natalizia la si deve respirare in ogni strada o piazza. Per tutto il centro, inoltre, verranno istallate delle Luminarie artistiche. Eventi Ogni giorno l’area del centro città verrà animata: è previsto il Trenino di Natale, che utilizzando il percorso della pista ciclabile, porterà grandi e piccini a spasso per la città.

Sono previste circa venti fermate ognuna delle quali sarà contrassegnata con una tabella recante il nome a tema. Questo trenino oltre a far divertire servirà per facilitare lo spostamento di coloro che sono in giro per gli acquisti. Per tutti i 19 giorni sono previsti molteplici appuntamenti pronti a soddisfare le esigenze di tutta la cittadinanza: Cori Gospel, Spettacoli di Magia, Artisti di Strada, Spettacoli di Majorettes, Degustazioni enogastronomiche e molto altro. Inoltre verrà istallato un Palco che quotidianamente ospiterà Musica, Recite e Teatro in prevalenza a tema natalizio.

“Ogni anno – spiega il comitato – le amministrazioni che si sono succedute hanno dichiarato che la città non aveva soldi per le festività di Natale eppure, ad esempio, lo scorso anno sono stati spesi 70.054 euro per consegnare alla città uno spettacolo da scenario postbellico. La nostra associazione ha chiesto sin dal 29 agosto un incontro con l’Amministrazione Comunale al fine di confrontarci sulla fattibilità e sui costi del nostro progetto che comunque sarebbero inferiori a quelli degli anni passati e in parte verrebbero coperti dai commercianti della nostra associazione. Ad oggi l’incontro, anche dopo un ulteriore nostro sollecito, non è avvenuto”.

La proposta c’è. Ora la parola spetta al Comune.

Comments

comments

  • pasquino

    Chi paga?
    No perché non mi sembra ci siano molti soldi in cassa……
    Magari la proposta, visto che serve a promuovere gli esercizi commerciali, poteva essere integrata con la dividerà ” il tutto a completo carico dei commercianti del centro”.
    Sempre grandi menti eh! …….

  • Rompiglio

    Bella l’idea, mi piace e spero vada in porto.
    Due domande: perchè sulla simpatica cartina di presentazione non è disegnato il Comune? E magari la chiesa di San. Marco?
    Una obiezione. Con questa amministrazione così attenta all’ecumenismo della accoglienza e integrazione… penso sia difficile parlare (anche se solo delle feste) del Natale che è di origine cristiana. Che diranno i non credenti e sopratutto gli islamici?

MandarinoAdv Post.