Website Security Test
Banner Bodema – TOP

Da Priverno a Roma, ecco il cammino del Giubileo

cammini-del-lazio-priverno-fossanovaCinque esclusivi percorsi che portano in Piazza San Pietro, a Roma, per l’udienza con Papa Francesco. La via Francigena della Tuscia, l’itinerario della Valle Santa attraverso la Rieti medievale, il Giubileo del mare dall’Abbazia di Fossanova, la via Francigena del Sud a partire da Montecassino e i due percorsi di San Benedetto e San Francesco che compiono tragitti diversi e si ricongiungono a Monterotondo: sono «I Cammini del Lazio», il Progetto Speciale Giubileo della Misericordia realizzato da Unioncamere Lazio in collaborazione con le cinque Camere di Commercio del Lazio.

Un’iniziativa focalizzata sui cammini di fede che da secoli i pellegrini di tutta Europa e Oriente percorrono per giungere a Roma e ideata per valorizzare luoghi del Lazio che spesso sfuggono ai consueti itinerari turistici: l’obiettivo è promuovere la crescita di visibilità dei territori, favorire lo sviluppo di un sistema turistico basato sulla fruizione ecosostenibile del patrimonio storico e naturalistico, rafforzare l’identità e le tradizioni delle comunità.

La via Francigena della Tuscia è un cammino che parte da Proceno e, per sette giorni, attraversa il territorio viterbese fino a Sutri, per poi giungere a Roma; i cammini della Valle Santa si snodano tra gli antichi luoghi della provincia di Rieti, partendo dalla cattedrale della città per intraprendere il cammino di San Francesco e arrivare a via della Conciliazione a Roma; il Giubileo del mare percorre, invece, la zona della provincia di Latina nei pressi di Priverno, con tappe di circa venti chilometri, a conclusione di ciascuna delle quali è previsto un evento tra concerti di musica popolare, canti gregoriani, spettacoli di danze medioevali e rinascimentali; la via Francigena del Sud parte da Montecassino per arrivare a San Pietro, lungo l’itinerario riconosciuto dal Consiglio d’Europa; i cammini di San Benedetto e San Francesco, infine, prevedono il ricongiungimento a Monterotondo dei due percorsi sulle orme dei santi.

Fino al 7 settembre, fedeli, appassionati e curiosi potranno intraprendere i cinque percorsi a piedi, in bicicletta o a cavallo, costantemente assistiti, anche grazie alla collaborazione delle diverse istituzioni locali coinvolte nella realizzazione del progetto e al supporto tecnico del Club Alpino Italiano che, insieme alle Camere di Commercio del Lazio, seguirà i camminatori lungo tutto il tragitto. Si può scegliere, inoltre, di non intraprendere il cammino per intero ma partecipare a una o più tappe. Partecipare ai «Cammini del Lazio» vuol dire vivere un’esperienza unica, avere la possibilità di godere di visite guidate esclusive, beneficiare di aperture di spazi solitamente chiusi al pubblico, rivivere antiche tradizioni, degustare le eccellenze enogastronomiche offerte ai camminatori diretti a Roma, soffermarsi su scorci e paesaggi inaspettati.

Comments

comments

MandarinoAdv Post.