Website Security Test
Banner Bodema – TOP

Latina, chiude anche il Caffè San Marco

bar-caffe-san-marco-latina-chiusoSi allunga la lista delle attività storiche di Latina che chiudono i battenti. Tocca adesso al Caffè San Marco, il bar a pochi passi dalla piazza della cattedrale che fu aperto negli anni ’50.

Saracinesche abbassate e cartello “Affittasi”, un copione già visto per tante altre attività più o meno storiche del centro. Dal Bar Ezio, alla Casa del Regalo, Cinelli, il cinema Giacomini e la Benetton.

Comments

comments

  • homer

    è finita. Questa città è finita. Terzo mondo…e non ditemi che dalle altre parti è così, forse nelle periferie, ma non nei centri storici….latina è stata abbandonata a progetti fallimentari, in mano a delinquenti e imprenditori che portavano i soldi in svizzera…un grande peccato…sembra la terza guerra mondiale.

  • minerva

    Il motivo c’è perché il bar san marco è chiuso, è scritto chiaro e tondo da altre parti. C’è stato uno sfratto e non un fallimento. Il bar ezio idem, il cinema giacomini non lo so. La benetton è migrata in cina.

    • Roberto

      E in questo articolo dove leggi che è fallito? Non c’è scritto.

      • minerva

        Scusami, il riferimento era nel commento di homer.

  • Firm

    Ha ragione minerva non è solo colpa degli imprenditori c’è una situazione fiscale pressante, una miriade di balzelli. Basta con questa alea di sospettosi tutto e tutti, altrimenti la nostra città morirà. Legalità, ma non giustizia i mano ai giornali “giustizialisti”, ma senza remore per le conseguenze distratose che provocano. Ottimo Latina ventiquattro, veramente indipendente e obbiettivo.2

  • fabio

    Buonasera,
    fanno piu’ notizia le attività storiche chiuse che altre motivazioni. La redazione dovrebbe scendere in profondità alle varie chiusure e capire che le stesse sono scaturite quasi sempre dalla mancanza di imprenditorialità. Queste sono persone che poi riaprono sotto altre denominazioni sociali, tanto in Italia tutto e’ possibile fare. Mi auguro solo che quanto prima venga fuori la verità su alcune chiusure scritte dal redattore: non sono povera gente ma ……………….. La gente povera sono i dipendenti licenziati e non pagati………………..

  • Lionel

    Buonasera
    è triste vedere attività storiche qui a Latina che chiudono.Negli ultimi anni ho visto molti locali abbassare la saracinesca, alcuni di questi hanno segnato intere generazioni di questa città, e nel mio caso hanno scritto pagine indimenticabili della mia adolescenza.Locali dove al loro interno lavoravano persone con spiccato senso dell’imprenditorialità e tanta voglia di fare, nonostante tasse crisi e quant’altro.Eh si, i redattori dovrebbero andare più a fondo su certe storielle;personalmente poco m’interessa se è uno sfratto o un fallimento;alcune cose però sono sicure:caffè da nausea,servizio pessimo,accoglienza da BAR di Caracas(anche peggio)cordialità zero da parte di tutti gli operai, nessuno escluso,pulizia zero,incompetenza,basti pensare alla MANCANZA di bevande famose fresche(sacre per un bar) durante il picco di calore dell’estate scorsa)con conseguente lamentela da parte di molti clienti(me compreso).Cara redazione:il bar S. Marco esiste dagli anni ’50,ok,però le persone che lo gestivano non sono le stesse di 60,50,40,30,20,10 anni fa,altrimenti sarebbe andata diversamente.Chissà se i dipendenti che ci hanno lavorato venivano pagati regolarmente e con un contratto regolare…………………….e poi, mi chiedevo:perchè tutto quel cambio di personale dal giorno alla notte??Mistero….vero?? Saluti

    ps:mi farebbe se quel bar un giorno riaprisse, magari ristrutturato e ”Ripulito”

MandarinoAdv Post.