Website Security Test
Banner Bodema – TOP

Anabolizzanti in palestra, perquisizioni anche a Latina

carabinieri-nas-farmaci-pasticcheNandrolone, testosterone, ormone della crescita: in totale ne sono state sequestrate circa 9.000 compresse e 700 fiale, tutti farmaci anabolizzanti e stupefacenti che dall’Ucraina e dalla Moldavia arrivavano a Bologna, da dove erano smerciati in palestre, centri di dimagrimento e negozi in mezza Italia, compresa Latina.

Il giro è stato scoperto dai carabinieri del Nas di Bologna con l’operazione ‘Hard Trainer’, che ha portato a tre ordinanze di custodia cautelare (due eseguite), oltre a una decina di denunce a piede libero. Due di queste riguardano atleti professionisti, operanti su Bologna e Modena, indagati per avere fatto uso di sostanze dopanti.

L’indagine ha coinvolto, oltre a Bologna, anche Ferrara, Roma, Modena, Rieti, Latina, Massa Carrara e Cagliari, con 25 perquisizioni eseguite da oltre 100 militari dell’Arma.

Le misure cautelari, per traffico e cessione di farmaci anabolizzanti e stupefacenti, chieste dal Pm Massimiliano Rossi che ha coordinato l’indagine e firmate dal Gip Mirko Margiocco, hanno raggiunto un 39enne ucraino, Andrej Z., residente a Bologna, e il 46enne Salvatore B., bolognese, titolare di un negozio di integratori in zona Borgo Panigale. Entrambi sono finiti agli arresti domiciliari (il primo a maggio, il secondo nei giorni scorsi). Una terza misura cautelare, ancora da eseguire, riguarda un personal trainer che, secondo l’accusa, si sarebbe finto un medico: oltre a procurare i prodotti illegali, avrebbe dispensato indicazioni sui dosaggi dei farmaci, preparato diete e piani alimentari. I destinatari della merce, ritenuta molto pericolosa per la salute degli utilizzatori, erano in gran parte giovani frequentatori di palestre e body builder.

«Il ‘falso medicò – ha spiegato Umberto Geri, comandante del Nas di Bologna – faceva visite mediche, forniva diete e piani alimentari e prescriveva farmaci ai giovani assuntori, con modalità di assunzione potenzialmente molto pericolose perchè spesso ci sono principi attivi in contrasto l’uno con l’altro». In conferenza stampa il comandante nazionale dei Nas, Erasmo Fontana, ha sottolineato l’importanza dell’operazione che ha ricostruito l’intera filiera del traffico illecito: dall’Ucraina e dalla Moldavia alla base logistica di Bologna, fino alla distribuzione in tutta Italia.

Comments

comments

MandarinoAdv Post.