Website Security Test
Banner Bodema – TOP

Elezioni a Fondi e Ventotene, tutti i candidati e le modalità di voto

elezioni-latina-scrutinio-576922Anche Fondi e Ventotene al voto oggi. A Fondi (37.180 abitanti) gli aspiranti alla poltrona di primo cittadino sono: l’uscente Salvatore De Meo, sostenuto da sei liste, Mario Fiorillo, sostenuto dal PD, Arnaldo Faiola con la lista civica W Fondi, Gianfranco Antonetti con Fondi ci chiama, Appio Antonelli, candidato del Movimento 5 Stelle, Giovanni Trani sostenuto da NCD, Fondi 2015 e Giovani per Fondi.

Due candidati a sindaco a Ventotene dove il primo cittadino uscente Giuseppe Assenso (Lista Ventotene Insieme) sarà sfidato da Gerardo Santomauro (Lista Buona Onda).

Si vota nella sola giornata di domenica dalle 7 alle 23; subito dopo la chiusura della votazione e l’accertamento del numero dei votanti inizieranno le operazioni di scrutinio.

COME SI VOTA. A Fondi, comune con una popolazione superiore ai 15mila abitanti sono diverse le modalità di voto tra cui poter scegliere.

E’ possibile votare in questi modi:

– per una delle liste tracciando un segno sul relativo contrassegno; il voto così espresso è valido sia per la lista votata sia per il candidato alla carica di sindaco ad essa collegato;
– per un candidato a sindaco, tracciando un segno sul rettangolo recante il relativo nominativo, e sul contrassegno della lista o di una delle liste collegate al candidato sindaco stesso; anche in questo caso esprime un voto valido sia per il candidato alla carica di sindaco sia per la lista collegata prescelta;
– per un candidato a sindaco, tracciando un segno sul rettangolo recante il relativo nominativo, e per una lista non collegata tracciando un altro segno sul relativo contrassegno; il voto così espresso è attribuito sia al candidato alla carica di sindaco sia alla lista prescelta non collegata (c.d. “voto disgiunto”);
– per un candidato a sindaco tracciando un segno sul rettangolo recante il relativo nominativo, non segnando alcun contrassegno di lista; il voto così espresso è attribuito solo al candidato alla carica di sindaco;
– solo per candidati alla carica di consigliere comunale, scrivendone il nominativo (solo il cognome o, in caso di omonimia, il cognome e nome e, ove occorra, data e luogo di nascita) nelle righe stampate a fianco del contrassegno della lista di appartenenza dei candidati votati, anche senza segnare il contrassegno della lista stessa; in tal caso il voto è valido sia per i candidati consiglieri votati, sia per la lista cui essi appartengono, sia infine per il candidato alla carica di sindaco ad essa collegato, salvo che l’elettore non si sia avvalso della facoltà di esprimere un voto disgiunto.

Da non dimenticare:
–    le preferenze devono essere manifestate, esclusivamente, per candidati compresi nella lista votata;
–    ogni elettore può manifestare non più di due voti di preferenza per candidati alla carica di consigliere comunale; nel caso di espressione di due preferenze, queste devono riguardare candidati di sesso diverso, a pena di annullamento della seconda preferenza.

A Ventotene, comune con popolazione fino a 5mila abitanti, l’elettore può votare:
– per una delle liste, tracciando un segno sul relativo contrassegno;
– per un candidato a sindaco, tracciando un segno sul relativo nominativo;
– tracciando un segno di voto sia sul contrassegno di lista sia sul nominativo del candidato alla carica di sindaco collegato alla lista votata;
– per un candidato alla carica di consigliere comunale scrivendone il cognome o, in caso di omonimia il cognome e il nome, nella riga stampata sotto il contrassegno della lista del candidato votato, anche senza segnare il contrassegno della lista stessa.

VOTO NEL LAZIO. Sono 25, su 378 (6,6%) i comuni dove si andrà a votare nel Lazio domenica 31 maggio, con ballottaggio calendarizzato per il 14 giugno. Cinque sono i comuni con popolazione superiore alla soglia dei 15.000 abitanti e per i quali viene applicato il sistema elettorale maggioritario a doppio turno (il 20%), 20 sono quelli con un popolazione inferiore ai 15mila (80%). Non è previsto nessun elezione per capoluoghi di provincia. Nel dettaglio sono 9 i comuni della provincia di Frosinone: Belmonte Castello, Ceccano, Fiuggi, Fontana Liri, Guardino, Patrica, Piedimonte San Germano, Pontecorvo e Trevi del Lazio. Due quelli pontini: Fondi e Ventotene. Nove i comune della provincia di Roma: Albano Laziale, Arcinazzo Romano, Colleferro, Marano Equo, Montelanico, Palombara Sabina, Roiate, San Gregorio da Sassola e Zagarolo. In provincia di Viterbo al voto andranno due comuni: Bomarzo e Blera. Tre quelli nel reatino: Castelnuovo di Farfa, Marcetelli e Montebuono. Cinque i comuni il cui Consiglio si rinnova per motivi diversi dalla scadenza naturale del mandato: Colleferro, Castelnuovo di Farfa, Patrica, San Gregorio da Sassola e Ceccano.

Primo tra i cinque grandi comuni è Albano Laziale (38.433 popolazione legale) dove il sindaco uscente Nicola Marini sarà sfidato da una rosa di 8 candidati: Fabio Ginestra, Federica Nobilio, Marcello Di Rollo, Simone Carabella, Marco Silvestroni, Matteo Stella, Giorgio Battistelli e Gino Benedetti.

Secondo il comune di Fondi (37.180). Qui gli aspiranti alla poltrona di primo cittadino sono: l’uscente Salvatore De Meo, sostenuto da sei liste, Mario Fiorillo, sostenuto dal PD, Arnaldo Faiola con la lista civica W Fondi, Gianfranco Antonetti con Fondi ci chiama, Appio Antonelli, candidato del Movimento 5 Stelle, Giovanni Trani sostenuto da NCD, Fondi 2015 e Giovani per Fondi.

Con una popolazione legale pari a 23.098 è Ceccano il terzo ‘grande comunè al voto nel Lazio. Otto i candidati che aspirano alla poltrona di primo cittadino: Roberto Caligiore, Mirko Ferrari, Domenico Aversa, Giovanni Querqui, Luigi Compagnoni, Filippo Messerville e Rino Liburdi.

A Colleferro (21.574), dove si vota in anticipo rispetto alla fine della consiliatura, sarà Silvano Moffa, che ha come coalizione tutto il centrodestra, a sfidare un giovanissimo candidato Democrat, Pierluigi Sanna di 27 anni, uscito vincitore dalle primarie.

Infine il comune di Zagarolo (16.992) . Qui il sindaco uscente, Giovanni Paniccia ha ‘rinunciatò a candidarsi e quella del 2015 per il comune della provincia di Roma, sarà la tornata elettorale dei record: 233 candidati consiglieri e 7 alla carica di sindaco, una Lega Nord ‘agguerrità così come il Movimento 5 Stelle. Ecco la lista dei candidati sindaco: Lorenzo Piazzai, Giacomo Vernini, Paolo Pacifici, Salvatore Genovese, Aniello Nunziata e infine Mario Procaccini.

Il comune più piccolo che andrà al voto nel Lazio è Marcetelli (popolazione legale 97) , seguito da Roiate, 749 abitanti e Marano Equo 786.

Comments

comments

MandarinoAdv Post.