Website Security Test
Banner Bodema – TOP

Le Forme del suono: gli eventi del 18 e 19 maggio

Le-forme-del-suonoAl via il festival musicale “Le Forme del Suono”, organizzato dal Conservatorio di Latina “Ottorino Respighi” e giunto alla sua sesta edizione. Per le giornate del 18 e 19 maggio, è previsto un denso susseguirsi di eventi e concerti. Nel dettaglio il programma delle giornate.

18 maggio: Si comincia alle ore 17:00, nell’Auditorium Roffredo Caetani, con l’inaugurazione della mostra “Paesaggi e Marine, Opere degli anni Novanta” dell’artista Ettore Sordini, cui seguirà, alle 17:30 un’esibizione per quartetto di percussioni. La performance sarà eseguita da Andrea Petracca, Marco Toti, Giulio Cintoni, Daniele Sanna. Contemporaneamente, ci sarà la proiezione del video “Ettore Sordini. La bellezza non ha tempo” di Andrea Piccardo e Antonio Capaccio.

Dalle 18:00, invece, sono previsti tre diversi concerti (ore 18:00, ore 20:00, ore 21:30) per musica di insieme. Strumenti protagonisti saranno percussioni, fisarmonica, pianoforte, marimbe, clarinetto, fagotto, clavicembalo, vibrafono, flauto. A conclusione del primo e secondo concerto, un aperitivo e una cena fredda.

19 maggio: Si parte alle 10:00 (fino alle 18:00) nella Sala Informatica della sede distaccata col Laboratorio dei “Clarinetti impossibili”, a cura di Paolo Ravaglia e Simone Pappalardo. Si tratta di un Laboratorio di costruzione di strumenti, elaborazione elettronica e composizione. Durante la giornata, gli studenti saranno chiamati a costruire strumenti, sperimentando diverse forme. Attraverso l’interazione con il mezzo elettronico, poi, dovranno creare timbri e strumenti nuovi, esplorandone le possibilità compositive.

Alle ore 17:00, invece, nell’Auditorium Roffredo Caetani è previsto  il concerto Omaggio a Mario Gangi, tenuto dagli allievi della Scuola di Chitarra del Maestro Giuseppe Gazzelloni. Il tutto si concluderà alle ore 21:00 con il concerto Trance-Traum  –  Un viaggio nella poesia di Tomas Transtromer. Ad esibirsi sarà il duo composto da Francesco Dillon (violoncello) ed  Emanuele Torquati  (pianoforte), con musiche di Adès, Borzelli, Britten, Grieg, Liszt, Sciarrino, Silvestrov, Schumann, Skrjabin, Streich. Scopo dell’esibizione sarà quello di trovare incroci possibili fra musiche solo apparentemente lontane, alla ricerca di ponti che permettano di costruire dei nuovi percorsi di lettura fra suoni, voci, elaborazione elettronica ed esecuzione acustica, a partire dai versi del poeta e pianista svedese Tomas Transtromer.

 

 

Comments

comments

MandarinoAdv Post.