Website Security Test
Banner Bodema – TOP

Triplice omicidio, Zanier assolto per totale incapacità di intendere e volere

image

Roberto Zanier è stato assolto perché non imputabile in quanto totalmente incapace di intendere e volere al momento del triplice omicidio avvenuto lo scorso anno a Latina. Il giudice, Giuseppe Cario, ha accolto la richiesta di rito abbreviato secco che si è discusso oggi. Il pm aveva chiesto l’assoluzione per non imputabilità. Zanier però non tornerà libero: è stata disposta una misura di sicurezza di 10 anni nell’ospedale psichiatrico giudiziario dove, al termime dei 10 anni, la sua condizione sarà valutata.

Zanier era presente in aula e ha ascoltato il verdetto senza parlare. In udienza si sono costituiti come parti civili i familiari della donna romena e di suo figlio uccisi da Zanier.  Non si sono invece costituiti i familiari dell’imputato che uccise la madre in via Rappini.

Da sinistra Norina Londero, Nistor Florin Dumitrache, Elena Tudosa e Andrei Gabriel Bogdan

Da sinistra Norina Londero, Nistor Florin Dumitrache, Elena Tudosa e Andrei Gabriel Bogdan

FOLLIA OMICIDA. Roberto Zanier uccise la madre Norina Londero e altre due persone: Elena Tudora, 44 anni, e il figlio Andrei Gabriel Bogdan, di 21 anni.

L’ex guardia giurata è ancora rinchiusa nell’ospedale psichiatrico giudiziario di Secondigliano a Napoli. Secondo il perito Zanier soffre di un «disturbo delirante complicato nella fase di compimento dei reati da un disturbo psicotico acuto». Il perito ha stabilito che Zanier può partecipare coscientemente al processo ma non era in grado di intendere e volere al momento dei fatti e, adesso, è in una condizione di pericolosità sociale. L’omicida è infatti ossessionato da “presenze malvagie” e dal terrore per la “fine del mondo”.

omicidio-via-rappini-latina24oreLA PERIZIA. Durante l’incontro con il perito Zanier ha raccontato cosa accadde la sera del delitto. L’uomo è ossessionato da tematiche religiose, in particolare dalla fine del mondo e da “presenze malvagie”. Ha detto che quella sera lui era particolarmente turbato: la madre, Norina Londero, gli preparò una camomilla per calmarlo ma lui continuava a sentire “presenze maligne” e pensava che la pistola che aveva in casa era in qualche modo “maledetta”.

Decise così di allontanare le presenze negative con la preghiera e invitò la madre a pregare con lui. Mamma e figlio pregarono a lungo insieme, forse un paio d’ore. Poi la madre disse al figlio che voleva andare a dormire, ma lui reagì male: prese la pistola e sparò due colpi uccidendola probabilmente quando era ancora sveglia e non nel sonno come si ipotizzò inizialmente.

Dopo qualche ora dopo andò dal padre che non rispose al campanello e così suonò ai vicini e iniziò sparare contro di loro provocando altri due morti, madre e figlio: Elena Tudora, 44 anni, e Andrei Gabriel Bogdan, 21 anni.

LE CURE. Ora Zanier è sottoposto a una terapia farmacologica e ha sviluppato un «sufficiente recupero di capacità di giudizio critico e di capacità di comprendere il significato e la finalità della situazione attuale» come scrive il perito.

Comments

comments

  • homer

    non sono sconvolto per l’assoluzione di una persona con gravi disturbi, ma sono sconvolto per l’incapacità di chi lo ha giudicato idoneo a possedere una pistola!! contro di quelle persone andrebbe fatto un processo!!

  • romeo

    Vergognatevi!

  • Dredd

    Ahoooo in questa italia ci vuole la raccomandazioni anche per finì in galera!

  • disincantato

    Concordo con il primo intervento, criminale chi ha consentito che una persona con quel disagio, possedesse un arma. In realtà gli hanno dato dieci anni, è meglio un carcere da sano, che in un manicomio da malato. Spero di sbagliarmi, non si riprenderà più, a meno che non trovi bravi medici …. il che dubito …..

  • Bio

    il fatto che non sia ritenuto colpevole, perche incapace di intendere e volere, non significa che lo lasceranno andare in giro come vuole. verra’ “segregato” in una casa di cura specializzata, una sorta di carcere per malati mentali..

  • bah

    Prendete nota..se un giorno dovete ammazzare qualcuno assicuratevi di essere sul suolo italiano…quasi dimenticavo, usate un automobile oppure dite che sentite delle voci in testa… … la vita di 3 persone vale 10 anni di manicomio?

  • bah

    Prendete nota..se un giorno dovete ammazzare qualcuno assicuratevi di essere sul suolo italiano…quasi dimenticavo, usate un automobile oppure dite che sentite delle voci in testa…caxxo la vita di 3 persone vale 10 anni di manicomio?

MandarinoAdv Post.