Website Security Test
Banner Bodema – TOP

Teatro, Nenni e Mussolini “Confinati a Ponza”

Una toccante vicenda di amicizia, di rancori e di odi sullo sfondo della tragica storia del fascismo. “Confinati a Ponza” ha debuttato al Teatro Tor Bella Monaca di Roma. Scritto dal giornalista Alberto Gentili con la regia di Francesco Maria Cordella, lo spettacolo – raffinato e a tratti commovente – racconta la vicenda umana di Pietro Nenni e Benito Mussolini che due giorni dopo la caduta del fascismo si ritrovano prigionieri a Ponza. Mussolini per volere del Re e di Badoglio, Nenni perché spedito al confino proprio da Mussolini.

Due uomini divisi e nemici, dopo aver combattuto fianco a fianco per gli stessi ideali ed essere stati grandi amici in gioventù, scoprono come il peso della storia e degli errori neghi la rinascita dell’antico legame. Da una parte il Duce sconfitto e frustrato, con le sue paure e i suoi tic; dall’altra Nenni, che in quelle ore del luglio 1943 annusa già il vento della libertà.

Nenni e Mussolini, interpretati magistralmente da Stefano Onofri e da Francesco Maria Cordella, si ritrovano a parlare delle loro vite e della loro amicizia perduta con la cuoca Luisa (la bravissima Carmen di Marzo) che diventa lo strumento di dialogo tra i due personaggi. Una donna semplice, pre-politica, che costringe entrambi a riflettere sul valore dell’amicizia e della vita mettendo in luce le tante assurdità della psiche maschile. Lo spettacolo tratto da una storia vera, dopo il teatro Tor Bella Monaca, sarà in tour in tutta Italia.

Comments

comments

MandarinoAdv Post.